L’ultima ragazza

Storia della mia prigionia e della mia battaglia contro l'Isis

Un messaggio e un invito a non lasciarsi sopraffare dalla violenza e a conservare intatta, la fierezza delle proprie radici.

Nell’agosto 2014 la tranquilla esistenza di Nadia Murad, ventunenne yazida del Sinjar, nell’Iraq settentrionale, viene improvvisamente sconvolta: con la ferocia che li contraddistingue, i militanti dello Stato Islamico irrompono nel suo villaggio, incendiano le case, radunano i maschi adulti uccidendone 600 a colpi di kalashnikov e rapiscono le donne, caricandole su autobus dai vetri oscurati. Per Nadia e centinaia di ragazze come lei, giovanissime e vergini, inizia un vero calvario. Separate dalle madri e dalle sorelle sposate, scontando l’unica colpa di appartenere a una minoranza che non professa la religione islamica, vengono private di ogni dignità di esseri umani: per i terroristi dell’ISIS saranno soltanto sabaya, schiave, merce da vendere o scambiare per soddisfare le voglie dei loro padroni.

L’abisso della prigionia, gli stupri selvaggi, le torture fisiche e psicologiche, le continue umiliazioni, insieme al dolore per la perdita di quasi tutti i parenti, vengono raccontati da Nadia – miracolosamente sfuggita agli artigli dei suoi aguzzini – con parole semplici e dirette, e proprio per questo di straordinaria efficacia. Le tremende sevizie le hanno lasciato cicatrici indelebili sul corpo e nell’anima, ma anziché ridurla al silenzio, cancellandone l’identità, l’hanno spinta a farsi portavoce della sua gente e di tutte le vittime dell’odio bestiale dell’ISIS.

Oggi Nadia è una donna libera, che ha scelto con coraggio di denunciare al mondo intero il genocidio subito dal suo popolo, non per invocare vendetta, bensì per chiedere giustizia, affinché i colpevoli compaiano di fronte alla Corte penale internazionale dell’Aia e vengano giudicati e condannati per i loro orrendi crimini contro l’umanità. Ma il suo messaggio è soprattutto un pressante invito a non lasciarsi sopraffare dalla violenza e a conservare intatta, sempre e comunque, la fierezza delle proprie radici, e una struggente lettera d’amore a una comunità e a una famiglia distrutte da una guerra tanto assurda quanto spietata.

continua

Lingua: Italiano
Numero pagine: 358
Formato: Libro
Anno di pubblicazione: 2018
ISBN: 978-8804681793

Editore: MONDADORI

Condividi
Ti potrebbe interessare
Un dono d’amore - Martin Luther King

Un dono d’amore

Sermoni da “La forza di amare” e altri discorsi 
La strada del Nebo - Alberto Friso

La strada del Nebo

Storia avventurosa di Michele Piccirillo, francescano archeologo 
Ebreo chi? - Giorgio Pacifici, Ugo Pacifici Noja

Ebreo chi?

 Sociologia degli ebrei italiani oggi
Diario di una vita inutile - Marco Malagola

Diario di una vita inutile

Un francescano tra i piccoli e i grandi della Terra
L’ultimo missionario - Tomoko Furui

L’ultimo missionario

La storia segreta di Giovanni Battista Sidotti in Giappone 
Ricette d’Oriente - Joan Rundo

Ricette d’Oriente

La cucina ebraica, cristiana e islamica del Medio Oriente in 90 ricette festive
Raimondo Lullo - Sara Muzzi

Raimondo Lullo

Opere e vita straordinaria di un grande pensatore medievale
San Francesco d’Assisi - Gilbert K. Chesterton

San Francesco d’Assisi

Raccontato alle donne e agli uomini di poca fede che lo hanno in simpatia
In nome di Dio Misericordioso - Bartolomeo Pirone

In nome di Dio Misericordioso

Ciò che della misericordia si canta nel Corano
La vita come viaggio - Massimo Pazzini

La vita come viaggio

Ricordando Pietro Alberto Kaswalder
Buono e giusto - Paolo Branca, Claudia Milani, Claudio Paravati

Buono e giusto

Il cibo secondo Ebraismo, Cristianesimo e Islam
I santi di papa Francesco - Giuseppe Caffulli

I santi di papa Francesco

Mistici e ribelli che hanno cambiato la Chiesa

Articolo aggiunto al carrello!

vai alla cassa continua la navigazione