Il padre. L’assente inaccettabile - Claudio Risé

Il padre. L’assente inaccettabile

L’Occidente contemporaneo è definito dalle scienze sociali "una società senza padri". Alcuni vi vedono la fine, positiva, di ogni "patriarcato"; altri, come l’autore, notano con preoccupazione il vuoto lasciato dall’assenza paterna.

Per Claudio Risé, psicoanalista di formazione junghiana e docente di scienze politiche e sociali, il padre è la figura psicologica che collega la biografia individuale al piano trascendente e consente così l’integrazione del dolore e della perdita attraverso l’insegnamento esemplare del suo senso.

La "società senza padri" appare, quindi, come un mondo che ha smarrito il senso religioso e, con esso, la capacità di dare significato alle prove della vita, cui l’individuo reagisce infantilmente attraverso il rifiuto e la negazione o con la depressione. Il libro entra nel vivo della cronaca di oggi mostrando come l’assenza paterna non nasca da fumosi processi psico-sociologici, ma dalla diffusione di separazioni e divorzi, che si concludono quasi sempre con l’espulsione dei padri da casa e con la rottura (o il grave indebolimento) del loro rapporto con i figli.

continua

Lingua: Italiano
Numero pagine: 166
Formato: Libro
Anno di pubblicazione: 2013
ISBN: 9788821548437

Editore: SAN PAOLO

Condividi
Ti potrebbe interessare
Islam e nazifascismo - Alberto Rosselli

Islam e nazifascismo

Un'alleanza che avrebbe potuto modificare l'assetto mediorientale
Non nel nome di Dio - Jonathan Sacks

Non nel nome di Dio

Confrontarsi con la violenza religiosa.

Articolo aggiunto al carrello!

vai alla cassa continua la navigazione