Il giro dell’oca

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà voce Erri De Luca, le parole nate dalla notte emanano luce.

“Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela”

In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta «qui e stasera» a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio «estratto da una cena d’inverno» lui racconta «un poco di vita scivolata». E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – «la libertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno» -, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità («a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?»), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare.

Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione -, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi («questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio»). Mentre fuori si alza il vento che viene da nord e lui sistema sulla brace una fetta di pane perché, con un poco d’olio, serva a farli stare insieme ancora un po’, da «padre inesistente, padre di una sera», gli pare di sbiadire, mentre il figlio aumenta di precisione, proprio come i personaggi dei romanzi diventano più precisi e memorabili dei loro autori, proprio come Pinocchio, e non il falegname che l’ha creato, dà il nome al romanzo.

continua

Lingua: Italiano
Numero pagine: 122
Anno di pubblicazione: 2018
ISBN: 9788807033216

Editore: FELTRINELLI

Condividi
Ti potrebbe interessare
Il Signore degli Anelli - John Ronald Reuel Tolkien

Il Signore degli Anelli

La compagnia dell'anello-Le due torri-Il ritorno del re
Lo hobbit - John Ronald Reuel Tolkien

Lo hobbit

o la Riconquista del Tesoro
Il presepe di mio papà

Il presepe di mio papà

Racconti magici e azzardati in attesa del Natale
L’arte di essere fragili - Alessandro D'Avenia

L’arte di essere fragili

Come Leopardi può salvarti la vita
L’ospite di Natale

L’ospite di Natale

Racconti sotto l'albero
Viaggio in Palestina - Mark Twain

Viaggio in Palestina

Un americano di frontiera in Terra Santa
San Francesco d’Assisi - Gilbert K. Chesterton

San Francesco d’Assisi

Raccontato alle donne e agli uomini di poca fede che lo hanno in simpatia
La luce di Natale - Max Lucado

La luce di Natale

Tutti hanno bisogno di un po' di luce

Articolo aggiunto al carrello!

vai alla cassa continua la navigazione